fbpx

Ferrari affida la gestione del ristorante il Cavallino di Maranello a Massimo Bottura

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Ferrari affida la gestione del ristorante il Cavallino di Maranello a Massimo Bottura

I vertici della casa di Maranello non hanno avuto alcun dubbio sulla scelta di affidare al grande Chef stellato Massimo Bottura la gestione del ristorante Il Cavallino.

Con un curriculum di tutto rispetto, il grande cuoco modenese vanta ben tre stelle Michelin consegnate in onore della sua Osteria Francescana.

Sarà dunque Massimo Bottura a preparare i prestigiosi piatti della cucina modenese all’interno del leggendario ristorante rosso.

Louis Carey Camilleri, amministratore delegato Ferrari ha voluto fortemente siglare questo accordo con lo chef Massimo Bottura che lo vedrà protagonista a gestire il ristorante Il Cavallino verso la fine del 2020.

La notizia è confermata ufficialmente ed è stata orgogliosamente anticipata nello scorso mese dalla Gazzetta di Modena.

Ferrari vuole diversificare il suo business, infatti lo stesso Camilleri afferma la volontà del marchio di «catturare più valore» per quanto riguarda il comparto retail, entrerà nel piano degli accordi a lungo termine anche la prestigiosa azienda Giorgio Armani.

Una Ferrari sempre più made in Italy, questa azione frutterà all’azienda una buona percentuale di profitto «10% di tutta la profittabilità (l’ad Camilleri ha precisato di riferirsi all’Ebit, ndr) di Ferrari entro i prossimi 7-10 anni». La casa di Maranello vuole diversificare il business ma vuole focalizzarsi principalmente su coloro i quali sono amanti del brand o proprietari delle super car del cavallino rosso. Meno gadget a marchio Ferrari ma più originali ed esclusivi. Infatti saranno ridotte del 50 % le licenze attuali per quanto riguarda il retail Ferrari e saranno ideati nuovi prodotti «con il Dna Ferrari», musei e parchi che porteranno alto il valore della casa automobilistica fondata a Maranello (MO) nel 1947 dal leggendario Enzo Ferrari.

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn